San Marco Evangelista (Ce)

Viale delle Industrie, 10

Gio - Dom 9.30 - 21.30

25-28 Aprile

 

banner

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 184
Venerdì, 11 Aprile 2014 News

conferenza stampa fiera agricolaUna Fiera di grande qualità e, soprattutto, con tante novità. Così è stata presentata stamane la decima edizione di Fiera Agricola alla Camera di Commercio di Caserta.

«La novità più importante riguarda l’ottava Mostra Nazionale della Bufala Mediterranea, che per la prima volta, grazie a Fiera Agricola si tiene a Caserta», ha dichiarato il presidente dell’A1 Expo, Antimo Caturano. «La Mostra, organizzata in collaborazione con l’Anasb, porterà oltre 120 capi da tutta Italia: con questo evento metteremo in risalto un emblema di Terra di Lavoro, ma anche una realtà zootecnica molto importante per tutta l’agricoltura italiana».

Fiera Agricola accenderà i riflettori anche su altre specie oltre a quella bufalina, grazie alla “Vetrina zootecnica delle razze allevate in Campania”, organizzata dall’Associazione Regionale Allevatori della Campania (Arac) in collaborazione con l’Associazione Italiana Allevatori (Aia). L’obiettivo è richiamare l’attenzione del grande pubblico sulle capacità del Mezzogiorno di creare prodotti di eccellenza. Ma il presidente dell’A1 Expo ha anche evidenziato il grande entusiasmo degli addetti ai lavori che, anche quest’anno, hanno fatto registrare adesioni più che soddisfacenti: «Anche quest’anno abbiamo avuto un ottimo riscontro tra gli operatori del settore: abbiamo registrato un aumento del  23% delle adesioni con i circa 250 espositori. Un dato che dimostra quanto “coltiviamo la ripresa” non sia solo uno slogan».

«Fiera Agricola non è solo la Fiera di Caserta ma è la Fiera di tutta la Regione Campania», ha detto invece l’assessore regionale all’Agricoltura, Daniela Nugnes. «In un momento così delicato come quello che stiamo vivendo, bisogna tener presente che, quando si parla di “Terra dei Fuochi”, si parla di terreni inquinati che sono solo una minima parte dell’intero terreno agricolo campano. Il nostro lavoro deve essere sinergico per dimostrare che, in Campania, parlare di agricoltura vuol dire senza ombra di dubbio parlare di eccellenza».

Altro tema importante di Fiera Agricola sarà l’internazionalizzazione delle imprese, con la presenza in Fiera delle delegazioni estere tra cui quella dell’Honduras, del Kenia, del Libano, nell’ottica di voler favorire l’incontro e lo scambio tra realtà economiche diverse e ricche di opportunità.

«Fiera Agricola non deve essere solo una manifestazione espositiva, ma deve attirare buyers internazionali per vincere la sfida sui mercati esteri», ha aggiunto l’assessore Nugnes.

« Puntiamo ad intensificare la presenza della Regione Campania a Caserta portandovi sempre più numerose fiere internazionali come questa – le ha fatto eco l’assessore regionale alle Attività Produttive, Fulvio Martusciello – Fiera Agricola è importante per il rilancio dell’economia campana, ma anche per avvicinare i giovani nella gestione dei sistemi produttivi, tra i quali il settore agricolo, che rappresenta un terreno fertile da coltivare e su cui investire».

A margine della conferenza, l’assessore Martusciello ha anche annunciato che l’otto aprile scorso è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il bando per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di programmi di investimento finalizzati al rilancio industriale delle aree di crisi della Campania e alla riqualificazione del suo sistema produttivo. I programmi di sviluppo industriale si realizzeranno anche nel comune di Caserta.

Alla conferenza stampa hanno preso parte anche il presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone; l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto; il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana; il sindaco di Caserta, Pio Del Gaudio; il direttore dell’Associazione Regionale Allevatori della Campania (ARAC), Maurizio De Renzis; il direttore dell’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina (ANASB), Angelo Coletta; il segretario della Confederazione Italiana Agricoltori (CIA) di Caserta, Nunzio Valentino e il segretario della CNA di Caserta, Francesco Geremia.

Venerdì, 04 Aprile 2014 News

photobubaRitrarre con un click la Bufala Mediterranea Italiana: questa è la sfida che lancia l’Associazione Nazionale Allevatori Specie Bufalina (Anasb) con il concorso fotografico “Photobuba”, in occasione della decima edizione di Fiera Agricola, dal 24 al 27 Aprile nel polo fieristico A1 Expo – uscita A1 Capua (Ce).

Gli appuntamenti dell’Anasb durante la manifestazione sono diversi; sabato, 26 aprile, sarà il giorno della VIII Mostra Nazionale della Bufala Mediterranea Italiana, mentre domenica sarà dedicata alla V Asta Nazionale e alla terza edizione del concorso fotografico Photobuba.

Sulla scia del successo delle due precedenti edizioni, la “Compagnia degli Annutoli”, il gruppo di giovani appassionati alla razza Mediterranea Italiana, ha lanciato la terza edizione del concorso fotografico, riservato ai ragazzi di età non superiore ai 30 anni, che potranno iscriversi e inviare foto fino al 14 aprile 2014.

Le sezioni del concorso sono “allevamento” e “natura” e le foto saranno esposte al pubblico della Fiera a contorno dello svolgimento della VIII Mostra Nazionale dell’Anasb.

La commissione giudicatrice decreterà il vincitore domenica 27 aprile, attribuendo due premi in denaro offerti dalla Cib Farma srl e premiando le prime foto delle due categorie. «È un modo per avvicinare ancora di più il grande pubblico alla nostra Bufala Mediterranea Italiana – commenta Angelo Coletta,direttore dell’Anasb – Non bisogna immaginare il mondo bufalino “statico” fatto solo di produzione ma, come si potrà evincere dagli scatti fotografici che per le prime due edizioni ci hanno riservato grandi sorprese, c’è un mondo tanto fantastico quanto reale che nasconde infinite sfumature, in grado di dimostrare la grande risorsa che il vivere quotidiano con questo stupefacente animale garantisce».

Per iscriversi al concorso: http://www.anasb.it/pdf/Concorso%20Fotografico%20PHOTOBUBA%202014.pdf

 

Lunedì, 31 Marzo 2014 News

fiera agricola Contribuire a sensibilizzare il consumatore verso le produzioni tipiche, informandolo sulle caratteristiche dei prodotti ma dotandolo anche di quegli strumenti che possano aiutarlo a reperirli sul mercato. È questo l’obiettivo della “Vetrina delle specie e razze iscritte al Libro Genealogico e al Registro Anagrafico della Regione Campania”, che l’Associazione Regionale Allevatori della Campania (Arac), in collaborazione con  l’Associazione Italiana Allevatori (Aia) e l’ex Istituto Incremento Ippico della Regione Campania, organizzerà nell’ambito della decima edizione di Fiera Agricola, che si terrà dal 24 al 27 Aprile nell’A1 Expo –uscita A1 Capua (Ce).

«Quest’anno torniamo con una novità rispetto allo scorso anno», ha affermato il direttore dell’Arac, Maurizio De Renzis.

«Mentre nell’edizione passata abbiamo presentato solo la specie bufalina – ha detto - quest’anno invece porteremo in mostra anche le migliori razze bovine, ovine, caprine, suine ed equine. È la prima volta che a Caserta si tiene una vetrina simile, abbiamo voluto creare questo importante momento perché ormai Fiera Agricola è una manifestazione consolidata, di grande valore non solo per la Campania ma per tutto il Meridione. Quale contesto migliore per informare il consumatore su quello che è il nostro marchio, “Italialleva”, una garanzia che copre tutta la filiera. Il bollino blu garantisce l’origine dell’animale, l’italianità, la tracciabilità del prodotto, il benessere dell’animale e quindi la sicurezza alimentare, grazie a un team di tecnici e veterinari del sistema allevatori che ogni giorno lavorano nelle stalle italiane».

Proprio la tracciabilità sarà, infatti, uno degli argomenti “caldi” Di Fiera Agricola, che creerà anche momenti di confronto sulle iniziative avviate in ambito regionale per garantire al consumatore la salubrità del prodotto.

Ma la Vetrina delle specie e razze iscritte al Libro Genealogico ritaglierà anche uno spazio per i più piccoli con la fattoria didattica, in cui gli allevatori trasmetteranno la loro esperienza ai piccoli visitatori, che saranno intrattenuti da varie attività, tra cui visite ed esperienze per scoprire tutto sulle specie in mostra, sulla loro storia e sui prodotti che si ottengono dal loro allevamento.

Giovedì, 27 Marzo 2014 News

Manca meno di un mese a Fiera Agricola, la rassegna annuale che, per il decimo anno, celebrerà ancora l’agricoltura e la zootecnia. L’appuntamento è dal 24 al 27 Aprile nell’A1 Expo, il polo fieristico nelle immediate vicinanze dell’uscita autostradale di Capua (Ce), che si sta imponendo in maniera sempre più forte nel panorama delle strutture fieristiche italiane.

Fiera Agricola quest’anno si avvale della collaborazione dell’Associazione Nazionale Allevatori della Specie Bufalina, che organizzerà, per la prima volta a Caserta, la Mostra Nazionale della Bufala Mediterranea Italiana.

Gli appuntamenti in calendario sono due; il primo è previsto sabato, 26 Aprile, giornata interamente dedicata alla Mostra Nazionale: da tutta Italia, più di 120 esemplari di bufale e tori di elevato pregio genealogico e morfologico sfileranno per l’intera giornata nel ring allestito in Fiera, per conquistare la vittoria nelle varie categorie programmate. Molte le province italiane rappresentate e in competizione con i loro allevamenti iscritti al Libro Genealogico della Bufala Mediterranea Italiana.

Il secondo appuntamento è invece per domenica, 27 aprile, con la V Asta Nazionale e il concorso fotografico PhotoBuba - III edizione, organizzato dalla “Compagnia degli Annutoli”, l’associazione dei giovani appassionati alla bufala. Protagonista indiscussa del concorso sarà, ovviamente, la bufala: le aree tematiche che dovranno ispirare i giovani fotografi sono due, natura e allevamento.

Entusiasmo da parte del direttore dell’Anasb, Angelo Coletta: “È la prima volta in assoluto che la Mostra Nazionale si tiene a Caserta, culla della razza. In provincia di Caserta si allevano circa 190.000 bufali, in tutta la Regione Campania circa 280.000 mentre il patrimonio nazionale è costituito da circa 380.000 capi. In questa competizione giocano fuori casa molti allevatori provenienti da diverse province italiane e sono certo che il pubblico di casa apprezzerà l’impegno che gli ospiti da fuori provincia hanno dimostrato per prender parte a questo importante evento”.

Giovedì, 27 Marzo 2014 News

«Non partecipare a Fiera Agricola sarebbe stata una vera e propria diserzione». Così Antonio Limone, Commissario dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno, ha commentato la partecipazione dell’Ente sanitario alla decima edizione di Fiera Agricola, che si terrà dal 24 al 27 aprile nell’A1 Expo - uscita A1 Capua (Ce).

Tracciabilità dei prodotti sarà il filo conduttore degli incontri e dei seminari che l’Istituto porterà in Fiera: «L’Istituto è strumentale allo Stato e alle Regioni Campania e Calabria ed ha lo scopo di tutelare la salute pubblica attraverso il miglioramento delle produzioni animali – ha detto Limone - Quindi, a buon titolo saremo presenti a questa importante manifestazione, durante la quale cercheremo di focalizzare la massima attenzione sul progetto “Qr-code”, che ha l’obiettivo di garantire ai consumatori maggiore trasparenza».

Il progetto “Qr-code”, infatti, è nato su un’idea delTavolo tecnico permanente, attivato dalla Regione Campania nell’ambito delle iniziative assunte per la “Terra dei Fuochi” ed è, in pratica, uno strumento che dà al consumatore tutte le informazioni sulla salubrità e la tracciabilità del prodotto al momento dell’acquisto. Come? Attraverso un codice a barre impresso sulla confezione: basterà puntare il cellulare o lo smartphone sul codice e sullo schermo compariranno tutte le informazioni a garanzia della sicurezza del prodotto.

«Anche chi non ha uno smartphone – chiosa il Commissario dell’Ente – vedendo il simbolo della Regione Campania sulla confezione ha già certezza che quel prodotto è sicuro. Al momento le aziende interessate al progetto sono circa 300; 240 hanno già sottoscritto la convenzione mentre per altre 68 è in corso l’iter procedurale. Ecco perché con grande pregio partecipiamo a Fiera Agricola: in questo particolare momento per il territorio casertano, la manifestazione ci dà la possibilità di fare corretta informazione e, soprattutto, di avere un dialogo diretto con le aziende. Che – ha concluso - se vogliono superare i pregiudizi e fare il salto di qualità, devono assolutamente adottare la giusta strategia che possa restituire l’agricoltura sana al territorio e riconquistare la fiducia dei consumatori».

Mercoledì, 29 Gennaio 2014 News


fiera agricolaDal 24 al 27 aprile prossimi torna per il decimo anno consecutivo Fiera Agricola, uno degli appuntamenti primaverili più importanti per il settore primario in Terra di Lavoro e non solo.

La manifestazione, che già dall’anno scorso si tiene nel nuovo polo fieristico campano, l’A1 Expo (uscita A1 Capua - Caserta), è stata iscritta nel calendario 2014 delle manifestazioni fieristiche internazionali che si tengono in Italia.

Un riconoscimento arrivato grazie al grande successo dell’ultima edizione di Fiera Agricola, che ha visto la presenza di quasi 40mila visitatori e di oltre 250 espositori provenienti da tutta Italia.

Punto di riferimento per il comparto agroalimentare del Mezzogiorno, Fiera Agricola riunisce tutte le maggiori aziende nazionali ed estere che operano nel settore, in uno spazio espositivo che copre ben 50 mila metri quadrati, di cui 15 mila coperti, suddiviso in quattro settori espositivi: macchinari e attrezzature, zootecnica e mangimi, energie rinnovabili, enogastronomia.

Il tutto per dare vita a una prestigiosa vetrina per il comparto, con particolare attenzione alle eccellenze locali, come i prodotti eno-gastronomici e gli allevamenti di bufale.

«Quest’anno Fiera Agricola raggiunge il traguardo della decima edizione e lo fa con un’importante novità grazie al riconoscimento ricevuto dalla Conferenza delle regioni e delle province autonome», afferma il presidente di A1 Expo, Antimo Caturano.

«Giungere al decimo anno della manifestazione ci permette anzitutto di dare un forte segnale di continuità, ma mette anche in risalto la funzione di A1 Expo come efficace strumento di promozione dei prodotti tipici – continua Caturano - Fiera Agricola sarà ancora una volta l’occasione per affrontare temi importanti come agricoltura biologica e tutela dell’ambiente, ma soprattutto sarà un’occasione per ribaltare quell’immagine stereotipata che vuole il nostro territorio solo come “Terra dei Fuochi”, perché la Campania continua a essere tra i primi posti per la qualità dell’offerta enogastronomica e dei prodotti doc. Tra l’altro – conclude - recenti studi hanno dimostrato che nel terzo trimestre del 2013 l’industria agroalimentare ha avuto anche discreti margini di crescita, a dimostrazione del fatto che, nonostante l’impatto di una congiuntura sfavorevole, gli investimenti nell’agricoltura si rivelano il vero antidoto alla crisi».

Giovedì, 08 Agosto 2013 News

Quando un evento continua ad essere argomento dopo mesi, significa ha centrato l’obiettivo: diventare tavolo permanente per il comparto. A quattro mesi dalla manifestazione, infatti, Fiera Agricola continua ad avere riscontri più che positivi. Un risultato che va considerato nell’ottica di uno scopo fondamentale, cioè tenere alta l’attenzione sul settore agricolo creare momenti lavoro continui che non si fermano con il concludersi della Fiera.

fiera agricolaInfatti, una delle collaborazioni di Fiera Agricola è quella con l’Associazione nazionale di specie bufalina (Anasb). Che, in collaborazione con l’Associazione regionale allevatori della Campania (Arac), ha organizzato una serie di “eventi nella fiera” finalizzati allo sviluppo e alla valorizzazione della bufala mediterranea italiana.

Le iniziative hanno avuto ottimi consensi e se ne può trovare un buon resoconto nell’ultimo numero della rivista Anasb, che alla manifestazione ha dedicato due articoli consultabili ai seguenti link. Approfondimenti che invitano alla riflessione e al confronto, sempre costruttivo per migliorare e far sentire Fiera Agricola sempre più vostra.

Leggi gli articoli

A1 EXPO – Fiera Agricola 2013

Terra di Lavoro e sviluppo della Bufala Mediterranea Italia

Lunedì, 29 Aprile 2013 News

Cala il sipario sulla nona edizione di Fiera Agricola, la kermesse  dedicata al settore primario che si è svolta con successo nel Polo Fieristico A1 Expò (casello Capua - uscita autostradale A1) dal 24 al 28 aprile 2013.

Oltre 250 espositori provenienti da tutta Italia, in un’area di 50mila metri quadrati (di cui 15mila coperti), ripartita secondo aree tematiche: macchinari e attrezzature, zootecnica e mangimi, energie rinnovabili ed enogastronomia. Un programma ricco di convegni e seminari incentrati sul tema della salvaguardia e del miglioramento delle risorse rurali, ma anche momenti di confronto sulla valorizzazione dei prodotti tipici del territorio.

Il totale dei visitatori è stato di circa 40mila: seppure leggermente al di sotto delle attese, la cifra rappresenta comunque un buon riscontro, soprattutto in relazione alle condizioni climatiche non sempre favorevoli e alla coincidenza con giorni lavorativi. Il boom delle presenze, infatti, si è verificato soprattutto il 25 e domenica 28 aprile.

La manifestazione, che ha ricevuto il plauso delle istituzioni, del pubblico e degli espositori, può ben dirsi riuscita nella sua mission, cioè creare i presupposti per fare di Fiera Agricola un punto di riferimento per il comparto nel Mezzogiorno e creare un “Sistema integrato campano”, che guardi alla qualità, alla sicurezza alimentare e al turismo enogastronomico, con l’obiettivo di competere al meglio sul mercato nazionale ed internazionale. Piena soddisfazione da parte degli organizzatori: «Le premesse ci sono e lo hanno dimostrato i numeri – commenta Antimo Caturano – Il nostro è il risultato di un lavoro di squadra. Dimostrazione che, come si sul dire, l’unione fa la forza e che nella crisi possono venire fuori nuove energie e strategie per la ripresa economica».

Lunedì, 29 Aprile 2013 News

«Un evento di straordinaria importanza ad un tempo economica e sociale». Così Acli Terra ha valutato la nona edizione della Fiera Agricola di Pastorano. Che, secondo l’associazione, ha espressamente proposto un percorso di riflessione e di confronto, tra soggetti a vario titolo interessati, dalle Istituzioni agli Enti locali e a protagonisti autorevoli dell’Associazionismo agricolo, sul tema ormai strategico “Coltiviamo la ripresa”.

 Alla giornata conclusiva ha preso parte il Presidente nazionale di Acli Terra, Michele Zannini, che ha sottolineato «il valore emblematico di un avvenimento che connette le molteplici problematiche del comparto agroalimentare con il ruolo dell’Associazionismo professionale e produttivo, le questioni prioritarie della qualità delle produzioni, della difesa di beni fondamentali, come l’acqua, il suolo, l’aria, di cui l’agricoltura è il naturale custode e, non ultima, quella del consumo responsabile, con l’urgenza di una politica nazionale ed europea in grado di riconoscere la centralità che merita l’intero comparto».

 Per Zannini, si tratta di questioni ormai ineludibili che caratterizzeranno i tratti di una nuova fase dello sviluppo che serve alla società italiana ed in modo particolare al Mezzogiorno.

Domenica, 28 Aprile 2013 News

Ultimo giorno di esposizioni, dimostrazioni e incontri della IX edizione di Fiera Agricola, che quest’anno l’organizzazione ha rilanciato con l’obiettivo di renderla un punto nodale per il settore anche a livello nazionale.

Importante appuntamento di oggi la tavola rotonda dal titolo “Coltiviamo la ripresa: opinioni a confronto”. «Ci sono le condizioni per fare passi in avanti e abbandonare lo spirito di arrendevolezza tipico di situazioni di crisi come quella che viviamo – ha affermato Antimo Caturano – Abbiamo voluto creare con Fiera Agricola una proposta multilaterale, dove ognuno possa trovare il proprio spazio e dare un contributo alla creazione di un percorso costruttivo».

Plauso all’iniziativa dell’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto, che ha ricordato come l’amministrazione provinciale guidata da Domenico Zinzi si sia impegnata nell’istituire un tavolo tecnico in materia di Agricoltura per focalizzare sulle problematiche dell’economia rurale in Terra di Lavoro. Un territorio dalle grandi capacità di sviluppo, come ha sottolineato il presidente nazionale di Acli Terra, M. Zannini. Che poi ha aggiunto: «Tornare a parlare di sviluppo significa tornare a parlare del Meridione, che necessita di una politica in grado di valorizzare le eccellenze che appartengono a questa terra».

«Saper presentare idee e progetti – gli ha fatto eco il vice presidente dell’Unione Industriali di Benevento, F. Liverini – è la strada che conduce alla ripresa, che si attua solo se si riesce a fare sistema». Ma è proprio questa la difficoltà maggiore che si riscontra nel Sud Italia, secondo il responsabile finanziamenti speciali della Banca della Campania, M. Iandoli: «Non riuscire a fare rete è uno dei difetti del Sud Italia. Fiera Agricola merita consenso proprio perché richiama a fare sistema, alla luce anche dell’ultimo rapporto Obi (Osservatorio banche imprese), secondo cui il futuro è negli investimenti nel settore primario». Ringraziamenti speciali da parte dell’organizzazione a Guido Coppola e Nunzio Valentino, rispettivamente presidente e direttore Confederazione Italiana Agricoltori (Cia), per il loro appoggio alla manifestazione ma anche per il costante impegno nel valorizzare il ruolo moderno dell’imprenditoria rurale.

Sabato, 27 Aprile 2013 News

Agricoltura e impegno sociale oggi in Fiera attraverso la “Nuova Cooperazione Organizzata”, il consorzio che raggruppa quattro cooperative sociali che hanno in gestione beni comuni e confiscati alla camorra e presente all’evento con uno stand dedicato all’iniziativa “Facciamo un pacco alla camorra”. Il consorzio, infatti, ha curato un convegno dedicato alla prima festa nazionale dell’agricoltura sociale, che si terrà a Napoli il 22 e il 23 Giugno 2013, in concomitanza con la tappa Napoletana del Festival itinerante dell’Impegno Civile organizzato dal comitato Don Peppe Diana. Obiettivo del consorzio è sviluppare un nuovo welfare innovativo locale attraverso l’esplorazione di nuove forme di integrazione tra profit e non profit, tra pubblico e privato, coinvolgendo i cittadini in un percorso di riappropriazione del territorio campano volto alla creazione un’economia sociale come antidoto a un’economia criminale. Anche un po’ di Europa in Fiera Agricola quest’oggi con la visita dell’europarlamentare Andrea Cozzolino e Corrado Martinangelo, coordinatore campano della segreteria del presidente Commissione Agricoltura al Parlamento Europeo, Paolo De Castro, che ha definito la IX edizione di Fiera Agricola «una panoramica articolata delle produzioni di eccellenza, tratto distintivo del made in Italy agroalimentare». Intanto, proseguono le attività dedicate alla bufala mediterranea italiana: oggi gli esperti dell’Associazione nazionale allevatori specie bufalina (Anasb) decretaranno i capi di bestiame campioni, giudicando le caratteristiche morfologiche, produttive e funzionali degli animali. Tracciabilità della filiera bufalina è stato, invece, il tema al centro del convegno di ieri “Terra di Lavoro e sviluppo della bufala mediterranea italiana”, curato dall’Associazione regionale allevatori della Campania (Arac), in collaborazione con l’Anasb. Il tema è stato affrontato con il consigliere regionale con delega all’Agricoltura Daniela Nugnes: «Attraverso il deliberato tracciabilità regionale sono state tutelate tutte le parti della filiera. Ovviamente, per evitare furbate, abbiamo sin da subito richiesto anche alle altre regioni che detengono il marchio Dop, di aderire al sistema tracciabilità, che pone la condizione della volontarietà da parte degli addetti ai lavori, per cui bisogna far passare il messaggio che tracciabilità è sinonimo di sicurezza e qualità e che solo acquistando questa consapevolezza saremmo pronti alle sfide di mercato del futuro». Domani, giornata conclusiva della IX edizione di Fiera Agricola, si terrà la tavola rotonda: “Coltiviamo la ripresa: opinioni a confronto”; interverranno con Antimo Caturano: S. Giaquinto, Assessore all’Agricoltura Provincia di Caserta; dr. M. Iandoli - Banca della Campania; dr M. Zannini – pres. Naz.le di Acli Terra e il dr. F. Liverini, vicepresidente Unione Industriali di Benevento.

Sabato, 27 Aprile 2013 News

Lesotho, Sudan, Madagascar, Zimbabwe, Somalia, Kenya, Nigeria, Tanzania, Burundi, Liberia, Benin, Ghana, Costa d’Avorio e Uganda: questi i 14 Paesi d’Africa che ieri sono stati ospiti in Fiera Agricola nell’ambito del convegno “Africa, un continente da coltivare”, curato dalla Camera di Commercio ItalAfrica Centrale. A fare gli onori di casa, l’organizzatore Antimo Caturano, che ha voluto sottolineare ancora una volta come Fiera Agricola voglia essere un momento di confronto, dal quale far nascere nuove idee di sviluppo e cooperazione tra Italia e Africa e diventare così un evento cardine per il Sud Italia.

Ad accogliere la delegazione anche il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana, l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto, il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi e il presidente della Provincia di Salerno, Antonio Iannone.

La delegazione diplomatica ha fatto visita agli stand e, a partire dalle ore 15, ha illustrato le opportunità di investimento pianificate da ogni singolo Governo per lo sviluppo del settore agricolo, attraverso appositi codici di investimento che consentono di conseguire una lunga serie di vantaggi, come detassazione degli utili, condizioni favorevoli nella fase di start up e incentivi.

«Le aziende sensibili al tema dell’internazionalizzazione troveranno negli ambasciatori validi interlocutori - ha detto il presidente di Italafrica, Alfredo Cestari - Costruiti i primi contatti, ItalAfrica sarà in grado di realizzare gli iter necessari per lo sviluppo di ogni singolo progetto attraverso il lavoro del nostro qualificato personale, degli uffici presenti in alcuni dei 19 Paesi subsahariani su cui abbiamo competenza istituzionale e delle sedi di Bruxelles, Milano, Roma, Napoli, Salerno, Potenza. Nella nostra visione –ha aggiunto - C’è la creazione di un link tra questa manifestazione, che ambisce a diventare internazionale, e l’Expo 2015 di Milano».

«La presenza degli ambasciatori ci inorgoglisce perché ci permette di far conoscere i nostri prodotti e fa sì che Pastorano sia conosciuta anche oltre i confini regionali - ha commentato soddisfatto il sindaco Diana - Quest’anno poi il livello della manifestazione è aumentato notevolmente, non abbiamo nulla da invidiare alle altre fiere che si svolgono sul territorio nazionale».

La Provincia di Salerno, presente in Fiera con un proprio stand, ha sottoscritto un protocollo d’intesa con Italafrica per favorire lo scambio di esperienze e conoscenze imprenditoriali con gli ambasciatori. «La nostra Provincia ha tanto da offrire – ha affermato il presidente Iannone – Il nostro obiettivo è creare filiere che permettano di interconnettere le imprese e far scoprire loro l’enorme patrimonio che l’Africa ha da offrire. E così anche noi intendiamo far conoscere il nostro carattere identificativo che passa per il turismo e la cultura eno-gastronomica».

«Ci troviamo in una manifestazione di grande valore –ha asserito invece il presidente Zinzi – Perché colma un vuoto in tutta la Campania: non c’è, infatti, un Polo Fieristico così ampio, a dimensione regionale e dalla posizione tanto strategica. A1Expò si trova in un punto di confluenza degli assi viari di tutte le province e questo di certo contribuisce al successo cui Fiera Agricola è destinata. La presenza degli ambasciatori africani conferma l’interesse con cui ci guardano i Paesi del Mediterraneo: siamo per loro un punto di riferimento nel campo dell’innovazione tecnologica e la Campania occupa di sicuro, in questo contesto, una posizione di rilievo».

Ha portato i suoi saluti alla delegazione anche il consigliere regionale con delega all’Agricoltura Daniela Nugnes: «Credo fondamentale intraprendere un rapporto collaborativo nel settore agroalimentare con la partnership africana presente; ritengo indispensabile passare subito alla fase operativa e, per quanto riguarda il mio assessorato, già da lunedì prossimo sono pronta a un incontro che fissi immediatamente obiettivi condivisi al fine di intraprendere un percorso di crescita comune».

Venerdì, 26 Aprile 2013 News

PASTORANO. Tanti piccoli ospiti oggi in Fiera Agricola per i laboratori didattico – esplorativi (LANDesign ali-ment-azione), a cura dell’Associazione Orto di San Lorenzo - SUN e promossi dall’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Caserta. Lo scopo del progetto è promuovere e divulgare lo stile alimentare mediterraneo, espressione di un’identità in cui il territorio è la trama e il clima l’ordito, intrecciati nel paniere delle materie prime (acqua, sale, pesce, cereali, olivo, vegetali, miele, latte, vite).

Dal mese di ottobre 2012 sono stati firmati 40 Protocolli d’intesa tra Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale SUN e aziende del settore agro-alimentare e 200 convenzioni con scuole di ogni ordine e grado per progettare, prototipare e produrre elementi di food design, pharma food design, gioco design con gli studenti dei Corsi di Industrial Design II e Progettazione Architettonica - Prof. Arch. Sabina Martusciello, Prof. Arch. Maria Dolores Morelli.

In programma per oggi anche il convegno, organizzato da Mangimi Fusco srl, dal titolo “Campagna mais 2013: Soluzioni tecnico-colturali” e il seminario “Agricoltura e Sicurezza”. Alle ore di 15 di oggi, invece, “Africa, un continente da coltivare”, l’incontro con ambasciatori di 14 Paesi d’Africa curato dalla Camera di Commercio ItalAfrica Centrale. Parteciperanno il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi; il consigliere regionale con delega all’Agricoltura, Daniela Nugnes; l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto; il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana; il presidente di ItalAfrica Centrale, Alfredo Cestari e l’organizzatore di Fiera Agricola 2013, Antimo Caturano.

Giovedì, 25 Aprile 2013 News

Già a quota 15mila visitatori la nona edizione di Fiera Agricola, inaugurata ieri, che durerà fino a domenica 28 aprile 2013. La giornata di oggi è stata interamente dedicata ai capi bufalini: esposizioni, coinvolgimento del pubblico nella gara di cattura (bendati) di vitelli, dimostrazioni di filatura di latte e mascalcia. Entusiasmo anche per il cavallo più piccolo del mondo dell’espositore Fontanella Magic Arabian: un mini pony di 20 giorni di vita che misura 30 cm d’altezza e da adulto non più di 35 cm circa. E, infine, alle 17,30 incontro della Federazione Italiana Regionale dei Dottori in Scienze della Produzione Animale.

Anche il programma di domani è fitto di appuntamenti, tra i quali l’incontro, alle ore 15,00, con la delegazione diplomatica in rappresentanza di 14 Paesi d’Africa provenienti dalla fascia sub sahariana, che conta un mercato da oltre 250 milioni di persone - in gran parte inesplorato dalla aziende italiane - e strutturato attraverso macro aree di libero scambio. Gli ambasciatori del Lesotho, Sudan, Madagascar, Zimbabwe, Somalia, Kenya, Nigeria, Tanzania, Burundi, Liberia, Benin, Ghana, Costa d’Avorio e Uganda, illustreranno le opportunità di investimento pianificate da ogni singolo Governo per lo sviluppo del settore agricolo.

All’incontro, curato dalla Camera di Commercio ItalAfrica Centrale, parteciperanno il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi; il consigliere regionale con delega all’Agricoltura, Daniela Nugnes; l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto; il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana; il presidente di ItalAfrica Centrale, Alfredo Cestari e l’organizzatore di Fiera Agricola 2013, Antimo Caturano.

Giovedì, 25 Aprile 2013 News

Si è svolta ieri mattina l’inaugurazione della IX edizione di Fiera Agricola, la cinque giorni, che si concluderà domenica 28 aprile, dedicata all’agricoltura nel Polo Fieristico A1 Expò (uscita autostradale A1 Capua). Presenti al fianco della famiglia Caturano, il consigliere regionale con delega all’Agricoltura Daniela Nugnes; l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto; il presidente della Camera di Commercio di Caserta, Tommaso De Simone; il direttore del Consorzio di Tutela della mozzarella di bufala campana Dop, Antonio Lucisano; gli organizzatori delle edizioni precedenti, Angelo Aiezza e Gaetano Marucci; il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana.

«Questa manifestazione merita il nostro plauso perché dà attenzione a un comparto che si rivela essere sempre vincente – ha affermato il presidente CCIAA di Caserta, De Simone – Ricordiamo infatti il trend di export positivo dei nostri prodotti agroalimentari per il 2012, dal valore di circa 300milioni di euro; un trend in crescita del 12% annuo». Entusiasmo da parte di tutti per la nuova location che, come ha sottolineato Giaquinto, «grazie alla famiglia Caturano, è il risultato di una grande trasformazione da area dismessa e degradata quale era a una moderna area fieristica di riferimento per il territorio e non solo».

«Con grande piacere e un pizzico d’orgoglio casertano partecipo al taglio del nastro della nona edizione della Fiera Agricola di Pastorano –ha affermato l’on. Nugnes- Che può essere un vero e proprio volano. Impossibile pensare che alla nostra provincia spetti solo il 7% del miliardo e ottocento milioni di fondi UE. La politica attraverso le istituzioni deve affrontare queste anomalie, cercare di correggerle e cominciare a dare risposte concrete al territorio». Il consigliere regionale ha anche anticipato che nei prossimi giorni verrà approvata in Giunta una delibera per la trasparenza nella filiera bufalina, con l’obiettivo di mettere a regime un sistema di tracciabilità totale e garantire la leale concorrenza del mercato, la sicurezza dei consumatori, ma soprattutto la trasparenza, la reputazione e la credibilità di uno dei comparti chiave dell’economia regionale.

Dopo i ringraziamenti e l’ammirazione per questa nuova edizione da parte degli ideatori Aiezza e Marucci, nonché dal primo cittadino di Pastorano DianaAntimo Caturano ha voluto ancora ribadire come «Fiera Agricola sia una grande sfida che candida la nostra provincia a motore trainante dell’economia regionale attraverso il rilancio del settore. Sfida resa possibile –ha aggiunto - grazie al supporto delle istituzioni e, soprattutto, della mia famiglia». E così, dopo la benedizione del parroco di Pastorano don Giovanni Corcione, il taglio del nastro ufficiale e il brindisi di benvenuto.

Martedì, 23 Aprile 2013 News

Il mondo dell’agricoltura in ogni suo aspetto, con uno sguardo al passato, con ricostruzioni di ambienti di vita nella società agricola tradizionale, ma proiettati verso il futuro, attraverso convegni su agricoltura di qualità ed energie rinnovabili, nuovi mercati e internazionalizzazione. E ancora, laboratori didattico- esplorativi ed esposizione capi bufalini: sono solo alcuni degli eventi previsti nella IX edizione di Fiera Agricola, a Pastorano (Caserta) dal 24 al 28 aprile 2013.

Più di 250 espositori da ogni parte d’Italia all’interno del Polo Fieristico A1 Expò, un’area di 50mila mq, di cui 15mila coperti, pronta ad accogliere i circa 50mila visitatori attesi.

La cerimonia di inaugurazione avrà luogo dopodomani, mercoledì 24 aprile 2013 alle 11,30 in presenza del consigliere regionale con delega all’Agricoltura Daniela Nugnes, dell’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta Stefano Giaquinto e del sindaco di Pastorano Giovanni Diana.

Venerdì 26 aprile, invece, dalle ore 12,30, saranno protagonisti i Paesi aderenti a Italafrica – Camera di Commercio mista italo-africana, nell’ambito di un incontro con le istituzioni (tra le quali la Provincia di Caserta con Domenico Zinzi) al fine di favorire le relazioni economiche con l’Italia.

Martedì, 23 Aprile 2013 News

Sta per partire la nona edizione di Fiera Agricola, l’evento protagonista della primavera di Terra di Lavoro. La manifestazione è nata nel 2005 su iniziativa dei fratelli Marucci e Aiezza, diventando un punto di riferimento per l’intero comparto regionale.

«Abbiamo deciso di rafforzare la compagine organizzativa con l’aiuto della famiglia Caturano perché ormai la Fiera, cresciuta nel corso degli anni, era arrivata a un punto di saturazione – spiega Gaetano Marucci – Motivo per cui abbiamo deciso di allargare le vedute e fare il salto di qualità, dando il nostro placet per la nuova location, il Polo Fieristico A1 Expò. Gli spazi espositivi sono maggiori, così come è maggiore la visibilità dell’evento, che si affaccia sull’autostrada A1. Inoltre, la vicinanza alla Casilina e all’Appia rende la Fiera facilmente raggiungibile per tutti».

Molisano d’origine, Marucci afferma: «Il territorio pastoranese si presta molto bene ad una manifestazione del genere, essendo nel cuore di un’area dalla forte vocazione agricola, un luogo in cui, tra l’altro, ho riscontrato una grande vivacità economica». E conclude: «Sono certo che dal prossimo anno, grazie alle tantissime novità di questa edizione, Fiera Agricola sarà un caposaldo del settore per tutto il Mezzogiorno d’Italia».

Martedì, 23 Aprile 2013 News

Manca poco alla nona edizione di Fiera Agricola, che sarà inaugurata alle 11.30 di mercoledì 24 aprile 2013 all’interno del Polo Fieristico A1 Expò di Pastorano, Caserta (casello Capua uscita autostradale A1).

Alla cerimonia d’apertura parteciperanno il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana, l’assessore all’Agricoltura della Provincia di Caserta, Stefano Giaquinto  e il consigliere regionale con delega all’Agricoltura Daniela Nugnes. Che, a proposito degli spazi riservati in Fiera all’approfondimento su tematiche quali il rispetto per l’ambiente e le energie rinnovabili, ha detto: «La green economy è il futuro. D’altra parte dobbiamo guardare sempre più al futuro e il futuro è sempre più orientato verso l’utilizzo di energie alternative. La Campania è una terra, sotto questo punto di vista, estremamente fortunato. Abbiamo, infatti, prodotti unici e risorse inesauribili. L'importante è ora cercare di sfruttare al meglio questi fattori per cercare di valorizzare ulteriormente le nostre imprese. Anche attraverso il Programma di sviluppo rurale dobbiamo cercare di puntare su tecniche di agricoltura sostenibile che rispetti aria, acqua e suolo e sfruttare al meglio quelle risorse naturali di cui i nostri territori sono dotati naturalmente. Solo così riusciremo ad essere realmente competitivi in Italia e nel mondo».

Martedì, 23 Aprile 2013 News

«Un luogo che diventa punto di convergenza di e tra realtà imprenditoriali rappresentative, sia a livello nazionale che locale, e che offre una panoramica articolata delle produzioni di eccellenza, tratto distintivo del made in Italy agroalimentare»: con queste parole il presidente della Commissione Agricoltura e Sviluppo rurale del Parlamento Europeo, Paolo De Castro, ha definito Fiera Agricola 2013, l’evento che aprirà i battenti tra nove giorni a Pastorano (Caserta).

Dal 24 al 28 aprile, infatti, nel Polo Fieristico A1Expò prenderà il via la nona edizione della manifestazione, che si pone l’obiettivo di rilanciare il settore agricolo attraverso esposizioni di alta qualità ma anche convegni e momenti di confronto sulle eccellenze locali.

«Fiera Agricola è certamente un’ottima occasione di visibilità e presenza sul territorio – spiega De Castro -presenza che proprio in questa difficile congiuntura assume ancor più valore. La filiera bufalina è certamente una delle espressioni più caratterizzanti del territorio, una filiera che va sostenuta, valorizzata e promossa nel migliore dei modi come produzione agroalimentare di qualità apprezzata in tutto il mondo. In particolare adesso, è necessario intervenire per modificare il decreto Zaia, che prevede il marchio solo per il latticino prodotto in stabilimenti ad hoc, con una norma che stabilisca che chi è dentro la filiera della Dop lavori solo esclusivamente latte di bufala acquistato nel territorio previsto dal disciplinare».

Rispetto per l’ ambiente, sponsorizzazione di alimenti provenienti da agricoltura biologica e vantaggi delle energie rinnovabili saranno alcune delle tematiche che verranno affrontate durante i cinque giorni di Fiera: «La componente ambientale ha di certo una rilevanza centrale nelle politiche attuali  -dichiara il presidente - Un’attenzione volta alla tutela del pianeta e di chi lo abita, che porta con sé una consapevolezza recente, più puntuale e, certamente, maggiormente orientata al futuro. È però importante riuscire a coniugare questo importante aspetto con la dimensione produttiva del settore agroalimentare – conclude - tenendo bene a mente che sostenibilità economica e sociale e sostenibilità ambientale devono essere sinergiche tra loro».

Giovedì, 11 Aprile 2013 News

conferenza stampaÈ ufficialmente partito il conto alla rovescia per la nona edizione di Fiera Agricola, che si terrà a Pastorano dal 24 al 28 aprile 2013. Questa mattina, infatti, all’interno del Polo Fieristico A1Expò di Pastorano, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione dell’evento, che avrà luogo nello stesso Polo Fieristico.

«Tutti i nostri sforzi sono finalizzati alla perfetta riuscita di Fiera Agricola- ha affermato Antimo Caturano – Vogliamo che diventi una vetrina per gli operatori del settore, nonché un’occasione di confronto per ridare slancio all’economia di un territorio che deve essere valorizzato e non ricordato soltanto per spiacevoli fatti di cronaca».

«Le associazioni di categoria possono fare del buon marketing territoriale – gli ha fatto eco il direttore di Coldiretti Caserta, Gianni Lisi – E Fiera Agricola rappresenta una grande opportunità in un momento in cui l’agricoltura viene considerata la cenerentola dell’economia italiana. Tuttavia abbiamo dei segnali positivi: basti pensare all’incremento del 5% dei giovani che operano in agricoltura».

Il direttore del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, Antonio Lucisano, ha invece posto l’accento sulle conseguenze dell’approvazione del decreto che obbliga gli operatori inseriti nel sistema di controllo della Dop a produrre Mozzarella di Bufala Campana in stabilimenti esclusivamente dedicati a tale produzione. «Abbiamo lanciato un appello – ha spiegato – E in pochissimo tempo abbiamo ricevuto circa tremila sottoscrizioni. Ci auguriamo che all’interno della Fiera potremo partecipare a un convegno sull’argomento, che permetta di tenere alta l’attenzione su un prodotto che è amato e richiesto in tutto il mondo».

conferenza stampa

Ma la Fiera guarda oltre i confini del territorio campano. «In questa fase di prolungata crisi – ha detto il presidente ItalAfrica, Alfredo Cestari –è importante guardare ai mercati emergenti. Per questa ragione parteciperemo alla Fiera con una folta delegazione di ambasciatori e diplomatici dei Governi d’Africa: Lesotho, Sudan, Madagascar, Zimbawe, Somalia, Kenya, Mozambico, Nigeria, Tanzania, Burundi e Sud Africa venerdì 26 aprile presenteranno, nell’ambito del convegno ‘Africa, un Continente da Coltivare’, le concrete e reali opportunità di apertura dei mercati dei Paesi di cui sono espressione alle aziende italiane, attraverso l’illustrazione di favorevoli misure e codici di investimento ideati con il fine di attrarre imprese e know how. Nella nostra visione – ha poi aggiunto - c’è la creazione di un link tra questa manifestazione e l’Expo 2015 di Milano, che si svilupperà sul tema ‘nutrire il pianeta’. Certamente porteremo all’attenzione degli organizzatori la positività dell’esperienza casertana”.

Alla conferenza hanno preso parte anche Nunzio Valentino, direttore di Cia Campania – Confederazione Italiana Agricoltori; Angelo Aiezza che, con i fratelli Marucci, ha organizzato le precedenti edizioni della Fiera, nonché il sindaco di Pastorano, Giovanni Diana, il quale si è detto soddisfatto che un evento di tale portata si tenga proprio a Pastorano ed ha per questo fatto i suoi auguri per il buon esito della manifestazione.